- Adunata Naz. Alpini
     - Navi Marina Militare
     - Navi Regia Marina
     - Militari
     - R.S.I.
     - Alpini
     - R.S.I.
     - Alpini
     - R.S.I.
     - Alpini
     - R.S.I.
     - Alpini
     - R.S.I.
     - Militari
     - R.S.I.
     - Monete Genovesi
     - Monete liguri

     - Medaglie
     - Targhe
     - Coppe
     - Riproduzioni







Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase

1637 - 1797


AMG.41 mm.26 92057/92058
1 R e a l e - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo con scritta "Libertas" in banda. Cartocci, rami di palma e/o alloro. Sopra Corona. DVX * ET * GVB * * REIP * GENV * 16 66 *
RETRO - S. Giorgio a cavallo a destra che trafigge il drago. Senza leggenda.

METALLO - Argento titolo legale 913 %°
DIAMETRO - mm. 25/26
PESO - gr. 3,10 (tra i 2,95 e i 3,19)

Questa rarissima moneta, emessa solo nel 1666, è stata battuta insieme agli altri reali dalla Zecca di Genova molto probabilmente su commissione del Banco di S. Giorgio. Come caratteristiche di peso e lega è pari ai "reali" di Spagna per evidenti ragioni di semplificazione di operazioni commerciali e per bilanciare la massiccia presenza delle suddette monete spagnole.


AMG.42 mm.33 92059/92060
2 R e a l i - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo con scritta "Libertas" in banda. Cartocci, rami di palma e/o alloro. Sopra Corona. DVX * ET * GVB * * REIP * GENV * 16 66 *
RETRO - S. Giorgio a cavallo a destra che trafigge il drago. Senza leggenda.

METALLO - Argento titolo legale 913 %°
DIAMETRO - mm. 33
PESO - gr. 6,20 (tra i 5,96 e i 6,32)

Questa rarissima moneta, emessa solo nel 1666, è stata battuta insieme agli altri reali dalla Zecca di Genova molto probabilmente su commissione del Banco di S. Giorgio. Come caratteristiche di peso e lega è pari ai "reali" di Spagna per evidenti ragioni di semplificazione di operazioni commerciali e per bilanciare la massiccia presenza delle suddette monete spagnole.


AMG.01 mm.60 B60/B61
D u e S c u d i c o l C a s t e l l o - "Scudo Largo" -Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1541 - 1637

RECTO - Castello fra grifoni rampanti; sopra, corona; sotto, cherubino. Doppio cerchio Perlinato, ciascuno entro due cerchi lineari. DVX · ET · GVB · REIP · GENVENSIS · e data
RETRO - Croce ornata, con quattro teste di cherubino, doppio cerchio perlinato, ciascuno entro due cerchi lineari + CONRADVS · II · ROMANORVM · REX · ed eventuali sigle

METALLO - Argento titolo legale 958 %°
DIAMETRO - mm. 60
PESO - gr. 74,5 - 76,7

Moneta che, coniata fra il 1612 e il 1637, fa parte della "serie Larga" dei multipli di scudo (uno e mezzo; due; quattro) tutte dello stesso modello di mm. 60. Lo scudo e le frazioni (scudo, mezzo scudo, quarto di scudo, ottavo di scudo) sono invece di diametro inferiore e decrescente.


AMG.32 mm.60 B62/B63
D u e S c u d i c o n l a V e r g i n e "Scudo Largo" -Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Vergine su nubi, con Bambino, testa volta a destra, scettro nella destra, due Angeli con corona di stelle in alto, doppio cerchio lineare e doppio cerchio perlinato. *** ET * REGE * EOS * data e sigla *
RETRO - Croce ornata, e quattro teste d'angelo. Doppio cerchio lineare e doppio Cerchio perlinato. + DVX * ET * GVBERNATORES * REIP * GEN

METALLO - Argento titolo legale 958 %°
DIAMETRO - mm. 60
PESO - gr. 76 (da gr. 75 a gr. 77,28)

Questa moneta fa parte della serie "larga" con l'effige della Vergine costituita dai seguenti tagli, tutti dello stesso diametro (mm. 60) ma diversi per il peso (e quindi spessore)

1 scudo - gr. 38
1 scudo e ½ - gr. 57,6
2 scudi - gr. 76
3 scudi (raro) - gr. 113/115
4 scudi - gr. 125 (rarissimo)
5 scudi - gr. 191 (rarissimo)
6 scudi - gr. 230
10 scudi* - gr. 382

* già appartenente alla collezione di Vittorio Emanuele III ma non più ritrovato dopo la vicenda bellica 1940/45


AMG.43 mm.37 92061/92062
4 R e a l i - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo con scritta "Libertas" in banda. Cartocci, rami di palma e/o alloro. Sopra Corona. DVX * ET * GVB * * REIP * GENV * 16 66 *
RETRO - S. Giorgio a cavallo a destra che trafigge il drago. Senza leggenda.

METALLO - Argento titolo legale 913 %°
DIAMETRO - mm. 37
PESO - gr. 12,50 (tra i 12,34 e i 12,74)

Questa rarissima moneta, emessa solo nel 1666, è stata battuta insieme agli altri reali dalla Zecca di Genova molto probabilmente su commissione del Banco di S. Giorgio. Come caratteristiche di peso e lega è pari ai "reali" di Spagna per evidenti ragioni di semplificazione di operazioni commerciali e per bilanciare la massiccia presenza delle suddette monete spagnole.


AMG.44 mm.42 92063/92064
8 R e a l i - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo con scritta "Libertas" in banda. Cartocci, rami di palma e/o alloro. Sopra Corona. DVX * ET * GVB * * REIP * GENV * 16 66 *
RETRO - S. Giorgio a cavallo a destra che trafigge il drago. Senza leggenda.

METALLO - Argento titolo legale 913 %°
DIAMETRO - mm. 42
PESO - gr. 25,18

Questa rarissima moneta, emessa solo nel 1666, è stata battuta insieme agli altri reali dalla Zecca di Genova molto probabilmente su commissione del Banco di S. Giorgio. Come caratteristiche di peso e lega è pari ai "reali" di Spagna per evidenti ragioni di semplificazione di operazioni commerciali e per bilanciare la massiccia presenza delle suddette monete spagnole.


AMG.15 mm.26 B48/B49
Doppia con la Vergine - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Vergine su nubi con Bambino, con aureola di stelle, testa volta a destra, scettro. Nella destra, dicitura entro cerchi lineari e perlinati - * ET * REGE * EOS * DATA * sigle di zecca *
RETRO - Croce ornata di foglie, dicitura entro cerchi lineari e perlinati - + DVX * ET * GVB * REIP * GENV *

METALLO - Oro titolo legale 917 %°
DIAMETRO - mm. 26
PESO - GR. 6,6(da gr. 6,48 a gr. 6,,81)

Questa moneta, coniata fra il 1639 e il 1748, appartiene alla prestigiosa serie d’oro con la Vergine, che va dall’ “ottavo di doppia” del peso di circa gr. 0,8 al ”venticinque doppie” del peso di circa gr. 165. La scritta “ET REGE EOS” (liberamente traducibile in “Vergine governali tu”) è tratta dal “Te Deum” . Anche in questo caso, come per le monete con le sembianze di San Bernardo, San Giovanni Battista e San Giorgio, non vi è riferimento diretto al nome della Vergine o a quello dei Santi.


AMG. 46 mm. 22 92073/92072
Gianuino - Monete minori per il Levante - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase Dal 1637 al 1797.

RECTO - Stemma coronato con Libertas, con due grifi sopra due rami, cerchio perlinato, all’esergo + 1668 + DVX · ET · GVB * REIP · GENV
RETRO - Testa bifronte maschile barbuta a sinistra femminile a destra con la treccia girata a nodo; a destra segni arabi tra due fiori. BONIT · VNC · QVINQVE
METALLO - mistura (argento 417 %°)
DIAMETRO - mm. 22
PESO - gr. 2,02

Sono monete di bassa lega comparse negli anni 1668-1669 e rappresentano l’abbandono delle buone regole della monetazione genovese per darsi a una facile e vantaggiosa speculazione derivante dalla richiesta di monete di basso titolo e scadente fattura nei paesi del Medio Oriente.

Esistono inoltre differenze nella posizione della leggenda del recto che in due esemplari inizia dall’alto. Lievi modifiche si notano pure nella treccia del viso femminile. Il peso varia da gr. 1,78 a gr. 2,09.


AMG.24 mm.18 B40/B41
AMG.22 mm.22 B67/B68
Giorgino da 12 Soldi - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Due scudi, uno con croce e l’altro con “LIBER”, coronati; ai lati S 12 entro cerchio perlinato esterno, la scritta: + DVX * ET * GVB * REIP * GENV * data * sigla
RETRO - S. Giorgio a cavallo a sinistra; sotto, il drago. EX PROBITATE * ROBVR

METALLO - Argento titolo legale 861 %°
DIAMETRO - mm. 22
PESO - gr. 2,6 (gr. 2,25 a gr. 3,11)

Moneta coniata nel 1722, 1723 e nel 1725. Come negli altri casi di monete con raffigurazioni religiose, San Giorgio è identificato non dal nome ma dal motto “EX PROBITATE ROBVR”. Costituisce la frazione (metà) del pezzo da 24 soldi.


AMG.14 mm.26 B46/B47
AMG.11 mm.30 B54/B55 (48 soldi)
Giorgino da 24 Soldi - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Due scudi, uno con croce e l’altro con “LIBER”, coronati; ai lati S 24 entro cerchio Perlinato esterno, la scritta: + DVX * ET * GVB * REIP * GENV * data * sigla
RETRO - S. Giorgio a cavallo a sinistra; sotto, il drago. EX PROBITATE * ROBVR

METALLO - Argento titolo legale 861 %°
DIAMETRO - mm. 26/28
PESO - gr. 5,8 (gr. 5,65 a gr. 5,99)

Moneta coniata nel 1722, 1723 e nel 1725. Come negli altri casi di monete con raffigurazioni religiose, San Giorgio è identificato non dal nome ma dal motto “EX PROBITATE ROBVR”. Costituisce la frazione (metà) del pezzo da 24 soldi.


AMG. 45 mm. 22 92073/92074
Giorgino - Monete minori per il Levante - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase Dal 1637 al 1797.

RECTO - Stemma coronato con Libertas, con due grifi sopra due rami, cerchio perlinato, all’esergo + 1668 + DVX · ET · GVB * REIP · GENV
RETRO - S. Giorgio a cavallo, a sinistra trafigge il drago rivolto a destra. S · GEORG · PROT BON · VNC · VII

METALLO - argento 887 %°)
DIAMETRO - mm. 22
PESO - gr. 1,93

Venne battuto solo nel 1668 in cinque variabili che dipendono solo dall’interpunzione. Il peso riscontrato varia da gr. 1,77 a gr. 2,18.


AMG.16 mm.26 B50/51
Madonnina - Periodo dei Dogi Biennali - Terza fase 1637 - 1797

RECTO - Stemma coronato tra grifi, senza cerchio interno. Cerchio esterno perlinato. DVX · ET · GVB · REIP · GENV ·sigle
RETRO - L’Immacolata Concezione, con aureola di stelle, su mezzaluna e nube sotto. * la data * SVB TVVM PRESIDIVM

METALLO - Argento titolo legale 833 %
DIAMETRO - mm. 25
PESO - gr. 4,50 (da gr. 4,12 a gr. 4,66)

Questa moneta detta “LIRA” è stata emessa dal 1745 al 1750. Esistono anche le frazioni da ½ e 1/3. Moneta coniata nel periodo dell’episodio di Balilla in periodo di occupazione straniera e perciò poco florido economicamente quindi piuttosto modesta, come tipo di conio. Anche in questo caso si fa riferimento all’Immacolata con un motto: SVB TVVM PRESIDIVM”.


AMG.25 mm.18 90056
Mezzo Zecchino - Con S. Giovanni Battista - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase Dal 1637 al 1797

RECTO - Stemma in cartocci, coronato. Cerchio perlinato esterno. + · DVX · ET · GVB · REIP · GENV · sigla
RETRO - S. Giovanni Battista predicante. Cerchio perlinato esterno. NON · SVRREXIT · MAIOR · data

METALLO - oro titolo legale 1000 %°
DIAMETRO - mm. 18
PESO - gr. 1, 70 (da 1,68 a 1,75)

Questo tipo di moneta, coniata nel 1724-1734-1735-1736, è molto rara e come lo zecchino (1724-39) sostituisce le monete analoghe, ma con la figura di San Giorgio, coniate a partire dal 1718. La frase “NON SVRREXIT MAIOR” riferita a S. Giovanni Battista è tratta dal Vangelo di S. Luca Cap. 7(ve.24-28) secondo consuetudine già citata, di definire nelle coniazioni genovesi la Vergine e i Santi non esplicitamente, ma con motti ad essi relativi.


AMG.34 mm.28 A23/A24
Novantasei Lire - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, sovrastato da corona sorretta da due grifi i quali poggiano su mensola (base) con sotto maschera di leoni. DVX · ET · GVB · REIP · GENV ·
RETRO - Vergine con scettro, coronata di stelle, seduta su nubi e col bambino, sotto L. 96 ET · REGE · EOS · data · orlo ornato

METALLO - Oro titolo legale 917 %°
DIAMETRO - mm. 33
PESO - da gr. 25 a gr. 25,4

Premesso che tutte le monete datate 1792 hanno lo stemma vecchio, mentre quelle con data 1793 possono avere sia quello vecchio oppure quello nuovo, il C.N.I. descrive 5 date diverse per le 48 lire con undici varianti. Date di emissione 1793-1794-1795-1797. L’arrivo delle truppe francesi in Liguria e la conseguente caduta della Repubblica dei Dogi Biennali arresta l’emissione della serie della Madonna con il 1797. L’anno successivo la Repubblica Ligure emetterà la rinnovata serie di monete d’oro con le nuove impronte, mantenendo tuttavia inalterati i pesi ed il valore.


AMG.10 mm.30 B22/B23
Due Doppie con la Vergine - Quadrupla - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Vergine su nubi con Bambino, con aureola di stelle, testa volta a destra, scettro. Nella destra, dicitura entro cerchi lineari e perlinati. * ET * REGE * EOS * DATA * sigle di zecca *·
RETRO - Croce ornata di foglie, dicitura entro cerchi lineari e perlinati. + DVX * ET * GVB * REIP * GENV *

METALLO - Oro titolo legale 917 %°
DIAMETRO - mm. 30 (mm.28-33)
PESO - GR. 13 (da gr. 11,75 a gr. 13,5)

Questa moneta, coniata fra il 1638 e il 1722, appartiene alla prestigiosa serie d’oro con la Vergine, che va dall’ “ottavo di doppia” del peso di circa gr. 0,8 al ”venticinque doppie” del peso di circa gr. 165. La scritta “ET REGE EOS” (liberamente traducibile in “Vergine governali tu”) è tratta dal “Te Deum” . Anche in questo caso, come per le monete con le sembianze di San Bernardo, San Giovanni Battista e San Giorgio, non vi è riferimento diretto al nome della Vergine o a quello dei Santi. Moneta di notevole rarità.


AMG.35 mm.28 91033/A24
Quarantotto Lire - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, sovrastato da corona sorretta da due grifi i quali poggiano su mensola (base) con sotto maschera di leoni. DVX · ET · GVB · REIP · GENV
RETRO - Vergine con scettro, coronata di stelle, seduta su nubi e col bambino, sotto L. 48 ET · REGE · EOS · data · orlo ornato

METALLO - Oro titolo legale 917 %°
DIAMETRO - mm. 28
PESO - gr. 12,5 (da gr. 12,4 a gr. 12,63)

Premesso che tutte le monete datate 1792 hanno lo stemma vecchio, mentre quelle con data 1793 possono avere sia quello vecchio oppure quello nuovo, il C.N.I. descrive 5 date diverse per le 48 lire con undici varianti. Date di emissione 1793-1794-1795-1797. L’arrivo delle truppe francesi in Liguria e la conseguente caduta della Repubblica dei Dogi Biennali arresta l’emissione della serie della Madonna con il 1797. L’anno successivo la Repubblica Ligure emetterà la rinnovata serie di monete d’oro con le nuove impronte, mantenendo tuttavia inalterati i pesi ed il valore.


AMG.30 mm.45 90029/91012
Scudo Stretto - Tipo con la Vergine - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797 - Primo Tipo

RECTO - Vergine su nubi, con bambino, con aureola di stelle, vista di fronte, scettro obliquo nella destra, dicitura entro cerchi lineari e perlinati * ET * REGE * EOS * data * sigla *
RETRO - Croce con quattro stelle, dicitura entro due cerchi lineari e perlinati. + DVX * ET * GVB * REIP * GENV *

METALLO - Argento titolo legale 958 %°
DIAMETRO - mm. 45 ( mm. 41/46)
PESO - gr. 37,71/37,74

La moneta, coniata dal 1637 al 1638. E’ questo il primo Scudo Stretto con la Madonna battuto nel 1637 e all’inizio del 1638, anno in cui apparve un secondo tipo, modificato nella posizione della Madonna, delle nubi e dello scettro. La scritta “ ET REGE EOS” è tratta dal “Te Deum”.


AMG.02 mm.45 B58/B59
Scudo Stretto - Tipo con la Vergine - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797 - Secondo Tipo

RECTO - Vergine su nubi, con bambino, con aureola di stelle, vista di fronte, scettro nella destra, dicitura entro cerchi lineari e perlinati * ET * REGE * EOS * anno * sigla *
RETRO - Croce con quattro stelle, dicitura entro cerchi lineari e perlinati. + DVX * ET * GVB * REIP * GENV *

METALLO - Argento titolo legale 958 %°
DIAMETRO - mm. 45 ( mm. 41/46)
PESO - gr. 34,57/38,64

La moneta, coniata dal 1638 al 1725, appartiene alla cosiddetta “serie stretta” (in contrapposto alla “larga” composta da pezzi di pesi diversi ma dello stesso diametro di mm. 60). Le frazioni della serie stretta (mezzo; un quarto; un ottavo, e un diciassettesimo; hanno invece oltre che peso diverso anche il diametro decrescente) anche in questo caso il riferimento alla Vergine non è esplicito ma dato dal motto “ ET REGE EOS” tratto dal “Te Deum”. Esistono esemplari (coniati non per battitura a martello, ma al torchio dal 1676) che recano sul bordo la scritta “PONDERIS SECVRA FIDES TVTVMQVE PRAESIDIVM” per scoraggiare le “tosature” (esemplari piuttosto rari).


AMG.13 mm.26 B24/B25
AMG.33 mm.23 B71/B70 senza valore
San Giovanni 1 Lira - Dal 1793 al 1795 - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, senza cartocci; con grifi che reggono la corona e poggiano su base con sotto maschera di leone; sotto L. 1. DVX · ET · GVB · REIP · GENV
RETRO - San Giovanni Battista di fronte, volto a sinistra, che regge una croce sul cui nastro è scritto “Ecce Agnus Dei” NON · SVRREXIT · MAJOR · data · Orlo ornato

METALLO - Argento titolo legale 890 %°
DIAMETRO - mm. 24
PESO - gr. 4,10 (da gr. 4,00 a gr. 4,20)

Moneta coniata dal 1793 al 1795. La scritta “Non Surrexit Major” definisce il Battista senza nominarlo esplicitamente, come avviene sempre nelle monete genovesi a soggetto religioso; è tratta dal Vangelo di San Luca, cap.7 (24-28)


AMG.09 mm.30 B52/B53
San Giovanni 2 Lire - Dal 1793 al 1796 - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, senza cartocci; con grifi che reggono la corona e poggiano su base con sotto maschera di leone; sotto L. 2. DVX · ET · GVB · REIP · GENV
RETRO - San Giovanni Battista di fronte, volto a sinistra, che regge una croce sul cui nastro è scritto “Ecce Agnus Dei” NON · SVRREXIT · MAJOR · data · Orlo ornato

METALLO - Argento titolo legale 890 %°
DIAMETRO - mm. 28/29
PESO - gr. 8,3 (da gr. 8,21 a gr. 8,39)

Moneta coniata dal 1793 al 1795. La scritta “Non Surrexit Major” definisce il Battista senza nominarlo esplicitamente, come avviene sempre nelle monete genovesi a soggetto religioso; è tratta dal Vangelo di San Luca, cap.7 (24-28)


AMG.06 mm.37 B56/B57
San Giovanni 4 Lire - Dal 1794 al 1797 - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, senza cartocci; con grifi che reggono la corona e poggiano su base con sotto maschera di leone; sotto L. 4. DVX · ET · GVB · REIP · GENV
RETRO - San Giovanni Battista di fronte, volto a sinistra, che regge una croce sul cui nastro è scritto “Ecce Agnus Dei” NON · SVRREXIT · MAJOR · data · Orlo ornato

METALLO - Argento titolo legale 890 %°
DIAMETRO - mm. 33
PESO - gr. 16,5 (da gr. 16,30 a gr. 16,86)

Moneta coniata dal 1793 al 1795. La scritta “Non Surrexit Major” definisce il Battista senza nominarlo esplicitamente, come avviene sempre nelle monete genovesi a soggetto religioso; è tratta dal Vangelo di San Luca, cap.7 (24-28).


AMG.05 mm.40 B34/B35
San Giovanni 8 Lire - Dal 1793 al 1797 - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Scudo rettangolare a punta, senza cartocci; con grifi che reggono la corona e poggiano su base con sotto maschera di leone; sotto L. 8. DVX · ET · GVB · REIP · GENV
RETRO - San Giovanni Battista di fronte, volto a sinistra, che regge una croce sul cui nastro è scritto “Ecce Agnus Dei” NON · SVRREXIT · MAJOR · data · Orlo ornato

METALLO - Argento titolo legale 890 %°
DIAMETRO - mm. 40/41
PESO - gr. 33 (da gr. 32,82 a gr. 33,80)

Moneta coniata dal 1793 al 1795. La scritta “Non Surrexit Major” definisce il Battista senza nominarlo esplicitamente, come avviene sempre nelle monete genovesi a soggetto religioso; è tratta dal Vangelo di San Luca, cap.7(24-28).


AMG.03 mm.40 78119
Tallero del Levante - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797

RECTO - Stemma in scudo ornato con cartocci e coronato, tra due rami di palma. DVX ET GVBER REIP GENV 1677 * e sigla (I · L · M ·)
RETRO - Grifo volto a sinistra, zampa destra alzata con scettro e sinistra su scudo accartocciato con iscrizione araba (nove aspri di buon argento).

METALLO - Argento titolo legale 913 %°
DIAMETRO - mm. 41
PESO - gr. 27,25

Moneta rarissima (ne sono noti tre esemplari) coniata probabilmente per facilitare i traffici col Levante, con caratteristiche di peso e lega analoghe al pezzo da otto Reali coniato nel 1666 (con le frazioni da 4, 2 e1 reale) per conto del Banco di S. Giorgio. Il C.N.I. e il Lunari la definiscono “Moneta per il Levante”.


AMG.28 mm.33 91008/91007
Testone della Benedizione - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797 - Primo tipo

RECTO - Il Salvatore rivolto a destra, mentre benedice il Doge inginocchiato col vessillo, volto a sinistra; a sinistra quattro stelle. Doppio cerchio lineare e cerchio esterno di perline. + DVX ET · GVBER · REIPVB ·GENVEN
RETRO - Croce sopra castello, ai lati la data 15 e 54. Doppio cerchio lineare e cerchio esterno di perline + CONRADVS · II · ROMANOR · REX

METALLO - Argento titolo legale 951 %°
DIAMETRO - mm. 30/32
PESO - GR. 9 circa(da gr. 8,20 a gr. 9,93)

E’ moneta (assieme alle analoghe del secondo e terzo tipo, dei mezzi testoni e dello zecchino) battuta ad imitazione delle monete di tipo veneto, ma che venne poi ritirata dalla circolazione, per cui è oggi piuttosto rara.


AMG.29 mm.33 91006/91005
Testone della Benedizione - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase 1637 - 1797 - Secondo tipo

RECTO - Il Salvatore volto a sinistra benedice il Doge col vessillo inginocchiato e volto a destra; Sotto linea orizzontale in basso “ in essergo”, la data (1554-1557-1558). Cerchio interno lineare, più cerchio esterno perlinato. + DVX ET · GVBER · REIPVB ·GENVEN
RETRO - Croce ornata, accantonata da quattro castelli. Cerchio interno lineare più cerchio esterno perlinato. + CONRADVS · II · ROMANOR · REX ·

METALLO - Argento titolo legale 951 %°
DIAMETRO - mm. 31/32
PESO - GR. 9 circa(da gr. 8,18 a gr. 9,90)

E’ moneta (assieme alle analoghe del secondo e terzo tipo, dei mezzi testoni e dello zecchino) battuta ad imitazione delle monete di tipo veneto, ma che venne poi ritirata dalla circolazione, per cui è oggi piuttosto rara.


AMG.20 mm. 22 90049
Zecchino - Con San Giovanni Battista - Periodo dei Dogi Biennali - Terza Fase Dal 1637 al 1797

RECTO - Stemma in cartocci, coronato. Cerchio perlinato esterno. + · DVX · ET · GVB · REIP · GENV · sigla
RETRO - S. Giovanni Battista predicante. Cerchio perlinato esterno. NON · SVRREXIT · MAIOR · data

METALLO - oro titolo legale 1000 %°
DIAMETRO - mm. 22
PESO - gr. 3,40

Questo tipo di moneta, coniata dal 1724 al 1739, assieme al pezzo frazionario da mezzo zecchino, sostituisce le monete analoghe, ma con la figura di San Giorgio, coniate a partire dal 1718. La frase “NON SVRREXIT MAIOR” riferita a S. Giovanni Battista è tratta dal Vangelo di S. Luca Cap. 7(ve.24-28) secondo consuetudine già citata, di definire nelle coniazioni genovesi la Vergine e i Santi non esplicitamente, ma con motti ad essi relativi.

 





























Created by: RMWEBS
Arte della Medaglia - Via Frugoni 21 - Genova